26 Lug

Piccola guida per una implementazione PLM di successo

PLM: un progetto del reparto Progettazione o del reparto IT?

Nell’industria manifatturiera odierna c’è un dibattito vivace e acceso se l’implementazione del Product Lifecycle Management (PLM) debba essere affrontato come un progetto di Ingegneria o come un’iniziativa IT. Quale approccio è risultato essere il più vincente? La risposta è: nessuno dei due. O meglio: entrambi.

Benché sia il COO che il CTO siano due protagonisti chiave del progetto, essi dovrebbero operare in modo indipendente per poter trarre il maggior vantaggio e valore dal ROI del PLM in tutti i dipartimenti aziendali: Produzione, Acquisti, Progettazione, Controllo qualità, Gestione della garanzia e IT. Il Dipartimento di Engineering ha un profondo interesse nel successo del progetto e nella rapida realizzazione per soddisfare i nuovi requisiti di progettazione del prodotto. Da parte sua, il CIO è anche responsabile del successo dell’implementazione, della manutenzione e del supporto dell’applicazione PLM. Entrambi dovrebbero essere consapevoli fin dall’inizio dell’importanza della loro collaborazione e della responsabilità che si assumono, come team, nei confronti delle altre business unit.

Il PLM come iniziativa Enterprise

Molte aziende manifatturiere affrontano questo dilemma ogni giorno quando intraprendono il loro progetto PLM.

Il PLM, inizialmente, ha fatto il suo ingresso nel mercato come sistema per la gestione dei processi di ingegneria e dei dati CAD. Ora è diventato la soluzione IT aziendale centrale più importante a cui tutti i sistemi in uso in azienda sono connessi.  Il PLM è diventato il sistema aziendale dominante che coglie le complesse sinergie e interazioni tra Produzione, Acquisti, IT, Ingegneria, Controllo qualità e Gestione delle garanzie. Tutti i principali leader del settore manifatturiero che traggono i massimi vantaggi dalla riduzione del Time-to-market e dall’efficienza dei costi di progettazione utilizzano un sistema PLM di livello Enterprise. L’implementazione del PLM nelle loro realtà ha successo perché è stato creato un team composto da ingegneri, responsabili finanziari, vendite, produzione, qualità e responsabili IT.

Il PLM si è spostato da un’iniziativa incentrata sull’ingegneria alla principale iniziativa a livello aziendale che collega tutte le operazioni aziendali che toccano il ciclo di vita del prodotto e il profitto di base.

Dove concentrare la propria attenzione per una implementazione di successo

Al fine di ottenere i migliori risultati dal PLM, i CIO lo stanno affrontando come un’implementazione a livello aziendale e mettendo in collegamento il reparto di Progettazione con la Produzione, gli Acquisti, il Controllo qualità, la Gestione della garanzia e le strategie IT.

I quattro elementi costitutivi fondamentali per il successo di una simile iniziativa sono:

1. Iniziare con un obiettivo, una missione

Prima di sviluppare la strategia e la roadmap per l’implementazione del PLM, i CIO dovrebbero innanzitutto concentrarsi sull’espansione del processo di allineamento e nominare le figure esecutive che guideranno l’iniziativa, in ciascun reparto. E’ importante delineare gli obiettivi che il PLM raggiungerà per tutti gli ambienti dal punto di vista di persone, processi e sistemi per definire un quadro “One Goal, One Mission“.

2. Formare un Core Team per la gestione del programma

Un errore comune (e grave) è ritenere che il reparto IT possa gestire tutto autonomamente e da solo. E’ preferibile creare un team composto da tutti gli stakeholders interni e da consulenti esterni di esperienza che possa definire una visione d’insieme del progetto e mantenere un equilibrio durante l’intera fase di implementazione. Questo core team aiuterà a colmare il divario tra tutte le unità di business, inclusi gli stakeholder primari come l’Ingegneria, la Produzione, l’Approvvigionamento e il reparto IT e a garantire i risultati migliori nel raggiungimento dell’obiettivo comune.

3. Valutare i vantaggi del software PLM per tutte le business unit

Scegliere il software PLM giusto, capace di dare il maggior ritorno dell’investimento, anche in termini di vendita del prodotto è essenziale. Ciò significa non solo IT e Ingegneria, ma anche Produzione, Approvvigionamento, Garanzia e Controllo di qualità. La valutazione del costo totale di acquisizione (TCO = Total Cost of Ownership) per l’intera azienda è fondamentale per il massimo rendimento.

Principali criteri da includere nella valutazione:

  • l’impatto sulla produttività del reparto di ingegneria e sul miglioramento dei processi,
  • l’efficienza della produzione,
  • la riduzione della responsabilità di garanzia e la validazione del percorso di controllo di qualità.

Le competenze del team IT e le funzionalità del software per la comunità degli utenti sono importanti in egual maniera.

4. Comunicare lo scenario futuro al team

Rendere proattiva e collaborativa la comunicazione in tutte le unità aziendali, in particolare tra i reparti non-IT che gestiscono il progetto PLM e il team IT, è fondamentale. Importante è ipotizzare e far toccare con mano lo scenario futuro in termini di miglioramento e beneficio del lavoro quotidiano, delineando l’ambiente As-Is e lo stato futuro di tutti i sistemi IT aziendali che saranno interessati dal sistema PLM aziendale. Individuare i requisiti completi della soluzione consentirà agli stakeholders non solo di comunicare in modo più efficace tra team, ma anche di pianificare un budget e prendere decisioni migliori insieme.

Perché?

  • Ad esempio, gli stakeholders potrebbero dover valutare la gestione della distinta base tra il sistema PLM e il sistema ERP e come gestire il progetto, decidendo dove salvare i dati.
  • Un altro esempio è quando il team IT deve prendere una decisione definitiva su quale database adottare (Oracle vs. MS SQL) per ospitare e standardizzare le tecnologie ERP e PLM in un’unica piattaforma di database.

In conclusione

Questi elementi costitutivi sono essenziali per gestire un’implementazione PLM di successo nel settore manifatturiero moderno. Il PLM è passato dall’essere un processo circoscritto al reparto Progettazione all’essere la principale iniziativa a livello aziendale che collega tutti i dipartimenti aziendali che toccano il ciclo di vita del prodotto e la redditività aziendale. La definizione di un obiettivo comune condiviso e portato avanti da un team coeso che rappresenta tutti i principali stakeholder assicurerà che l’implementazione del PLM possa apportare efficienze nella progettazione e in produzione e un incremento di produttività in tutta l’azienda.

PRO.FILE è una soluzione Enterprise che consente di gestire, controllare e integrare i dati e i documenti di prodotto dall’inizio alla fine del ciclo di vita. Consente inoltre di avere una visione end-to-end nell’organizzazione dei processi aziendali. Vuoi saperne di più? Contattaci per maggiori informazioni  o richiedi una demo.

Fonte dell’articolo: CIOReview