Industria 4.0

L’ICT come strumento per un passaggio culturale

Quando si parla di Industria 4.0, è necessario ampliare il raggio di azione e considerare, oltre ai molteplici vantaggi tecnologici, anche il salto qualitativo di mentalità che lo sviluppo del cloud e dell’Internet of Things comportano.

L’utilizzo della sola tecnologia infatti non basta; un approccio adeguato è fondamentale per permettere un aumento della competitività aziendale: occorre mantenere un collegamento costante tra linea di business e fabbrica, tramite un contatto continuo e uno scambio ininterrotto di dati.

La tavola rotonda organizzata da Soleil International, ha visto come protagonisti i temi della progettazione, produzione e logistica nella fabbrica 4.0 dal punto di vista dei fornitori di tecnologie.

PRO.FILE Italia, rappresentato dall’Ing, Enrico Borca, ha approfondito il tema del PLM: “L’applicazione dell’Internetof Things o dell’Industrial Internet of Things (IIoT) ai prodotti permette agli stessi, attraverso i sensori, di trasferire moltissimi dati […] all’azienda produttrice; di conseguenza diventa compito dell’azienda stessa gestire tutta questa moltitudine di dati provenienti dal campo. Il sistema di Product e Document Lifecycle Management PRO.FILE permette l’archiviazione di tutti questi dati nella propria cassaforte elettronica, oppure attraverso il sistema di cloud sharing PROOM […]. […] il sistema di Product e Document Lifecycle Management PRO.FILE e la piattaforma in Cloud PROOM sono certamente tecnologie abilitanti per le aziende che vogliono cogliere oggi le opportunità offerte dall’IIoT come hanno già fatto molti nostri clienti del settore manifatturiero”.

Per l’articolo originale clicca sull’immagine seguente

Comments are closed.